Medicina estetica: la laserterapia

  • Autore: WM STRAFACE
  • 17 ago, 2017
Se il compito della medicina in generale è quello di salvaguardare la salute, quello della medicina estetica in particolare è di promuovere il benessere psicofisico attraverso il raggiungimento di un aspetto esteriore ottimale. Corrispondere fisicamente all'immagine che si ha di sé aiuta infatti non solo a presentarsi al prossimo al meglio, ma anche ad acquisire consapevolezza nelle proprie capacità.
donna durante un trattamento di laserterapia al viso

Il giusto alleato per combattere gli inestetismi

Grazie alle nuove frontiere della medicina estetica, correggere i piccoli inestetismi della pelle oggi richiede interventi poco invasivi e alla portata di tutti. Una delle tecniche d'avanguardia più apprezzata in campo estetico è il laser, che si pone come valida alternativa al bisturi per cancellare i segni del tempo, rimuovere i nei ed eliminare i capillari troppo evidenti. La tecnologia laser sfrutta un fascio di luce in grado di colpire le cellule dei tessuti in modo mirato e selettivo, differenziandole, per esempio, in base ai pigmenti che le compongono. In questo modo offrono un'azione mirata e precisa verso l'area da trattare che non intacca i tessuti circostanti.

Tipologie di trattamenti laserterapici

Ogni difetto estetico da correggere richiede l'utilizzo di un tipo di laser specifico.
Di seguito una guida per conoscere i laser disponibili oggi per i trattamenti dermatologici:

Laser Allessandrite, efficace per epilazione permanente, rapida, sicura e indolore;

Laser Neyodimio Yag, utile il trattamento di capillari delle gambe, rosacee, couperose;

Laser Chirurgico Co2 , utilizzato per l'eliminazione rapida senza anestesia e senza esiti cicatriziali di verruche, fibromi, condilomi, cheratosi seborroiche;

Laser Frazionato, efficace per il ringiovanimento e il resurfacing di viso collo e décolleté e per il trattamento elettivo delle cicatrici acneiche e delle smagliature;

Laser Q-swiched di ultima generazione: a 4 lunghezze d'onda, rimuove perfettamente i tatuaggi neri o colorati ed è efficace anche nei pazienti che sperimentano macchie brune, melasma e nevo di Becker;

Luce Pulsata per fotoringiovanimento, trattamento macchie couperose ed epilazione.
Come ogni terapia medica che si rispetti, anche i trattamenti laser estetici devono essere tenuti da personale qualificato e abilitato, meglio se da medici specialisti in dermatologia in grado di valutare in modo attento e appropriato la terapia medica estetica più adatta per il paziente e sottoporlo quindi a un trattamento laser per l'epilazione o l'eliminazione di discromie cutanee dal risultato definitivo e in tutta sicurezza.
Autore: WM STRAFACE 17 ago, 2017
Se il compito della medicina in generale è quello di salvaguardare la salute, quello della medicina estetica in particolare è di promuovere il benessere psicofisico attraverso il raggiungimento di un aspetto esteriore ottimale. Corrispondere fisicamente all'immagine che si ha di sé aiuta infatti non solo a presentarsi al prossimo al meglio, ma anche ad acquisire consapevolezza nelle proprie capacità.
Autore: Dott.ssa Vincenzina Scorza 17 lug, 2017
Una pelle giovane è ben idratata, turgida e fresca: con il passare degli anni la struttura cellulare della pelle si disgrega a causa della diminuzione dell'acido ialuronico, principale “collante” del tessuto dermatologico. La pelle matura mostra quindi dei segni di cedimento, con le guance che tendono a scavarsi, le labbra che perdono in pienezza e la comparsa delle rughe, particolarmente insidiose sul contorno labbra e nell'area intorno agli occhi.
Autore: Dott.ssa Vincenzina Scorza 27 giu, 2017
Sensuali come quello sul labbro di Cindy Crawford o odiati, nascosti e rimossi come quello sul volto di Enrique Iglesias, i nei sono nel bene o nel male delle formazioni molto comuni sulla nostra pelle. Oltre a caratterizzare il nostro aspetto fisico, però, i nei possono diventare pericolosi focolai di melanoma, tumore maligno della pelle: per prevenire ogni rischio gli esperti consigliano di sottoporsi a una mappatura periodica e a tenere costantemente sotto controllo le neoformazioni potenzialmente più pericolose.
Share by: